Adolfo Barone

                                                      

  


Adolfo Barone, nato a Caccuri nel 1950, è attualmente il presidente del Premio letterario Caccuri. Con questo suo prezioso contributo, con quelli di tanti altri poeti caccuresi che già hanno scritto in vernacolo, con quelli che dovrebbero arrivare con il Concorso di poesia e prosa dialettale U. Lafortuna annesso al Premio letterario Caccuri ci auguriamo di poter cominciare a dar vita ad una antologia caccurese e ad una "storia della letteratura caccurese."  

                    
Oggi vi propongo l'ultima composizione derl mio amico Adolfo Barone,  fresca, fresca, appena sfornata dal suo caldo ingegno. E' una  poesia dedicata alla mamma dalla quale traspare l'amore del figlio per la genitrice, un amore che non viene mai meno e che, anzi, l'incedere inesorabile del tempo rafforza e rende ancor più struggente.
                   
Peppino Marino

Mammarella

Oi Mammarella mia si sempre bella.
Si bella quannu t’azi la matina, tranquilla e ripusata
si puru è stata curta la nuttata.
Me pari na jiocca ‘cu lli pullicini
e se virari e cumu te stamu tutti vicini.
‘Na priparatu puru a suppicella
ma quantu bene ne voi o mammarella!!
M’ha allevatu ccu amuri , gioia e affanni
ma chjanu chjanu su passati l’anni.
Ormai signu crisciutu puru iu
 riventannu patre, nannu e ziu.
Ma tu resti sempre bella mammarella mia
si puru t’ha toccatu a malatia.
e pregu tutti i jiorni u miu Signure
chi te facissa abbunnare l’anni , i jiorni e ll’ure,

 

Eccovi una poesia el grande Adolfo che si cimenta in un genere letterario caro al grande Apollinaire, a D'Annunzio e ad altri grandi poeti italiani e stranieri. 

Fimminella fimmminazza

Ohi fimminella pazza ‘e cuntentizza
Tu si bbenuta e io ti apertu ‘e frazza;
Ti cummegliatu ‘e vasi e de carizze
E ti rricatu tutta ccu  ‘ssi mustazza.

M’ha rittu : “Ebbira, ebbira cumu s’addirizza,
Mo vo nnescere cumu ‘u sule ‘nchjiazza.
Ohi cume te si alliccata  a ‘ssa sazizza
Se vira ca te piacia sana e no a stozza
O fimminella mia, o fimminazza
      ma fattu   pazzu ‘e cuntentizza !!!!!!

 

 

Una poesia di Adolfo che celebra la bellezza femminile. 

A ‘na fimmina….(l’amuri c’un se pori…..)

Penzannu a ‘na fimmina ‘e  chilla via
C’è volissa scrivere ‘na bella poesia
Su’ anni chi la guardu  e me piàcia
E lu core s’appiccia cumu fràscia

E’ frisca cumu rosa a  matinata
È bella ancora cumu quannu è nata
Nu corpu c’assimiglia’  ‘na modella,
Occhi  lucenti cume ‘na failla.

Allu restu c’e penzu, ma me ricu:
Tranquillu  e  arricettate nu zicu,
ca è la fimmina ‘e ‘nu caru amicu

 

                                                            

  Eccovi una spassosa poesia di Adolfo velata di garbata  auto ironia tipica del popolo caccurese e scritta nella lingua dei padri. La capacità di saper ridere dei propri "difetti" ( ma sarebbe meglio dire delle piccole debolezze) è prerogativa dei grandi popoli  come quello caccurese che ha spesso saputo dimostrare di essere un grande popolo e ad Adolfo, degno figlio di questo popolo, non poteva certo mancare. 

      U  jure e cucuzza

C’era ‘na vota ‘nu jure e cucuzza
Chi stava sempre allu pizzu ‘e ra chijazza
A ogni rolla illu parra  e ‘se mpizza
E ccu’ la lingua riscerna ogni razza.
Le rispunna Micuzzu arraggiatu :
Menu male ca si natu ‘mparatu
Ogni scenza ‘u Signure  t’ha ddatu
Ma tu puru ca trovi a pagliuzza,
Resti sempre ‘nu jure e cucuzza

 


L'amico Adolfo ci manda una nuova poesia che tratta il tema del radicamento degli emigrati al loro paese d'origine e, in tema scherzoso, delle incomprensioni che si generano a volte con "gli autoctoni."  

              I furesteri 

Quannu vena menzagustu a Caccuri
’nzeme alle lucerte chi fannu l’amuri
Nescianu puru illi  e ccu tuttu ‘u core
venanu allu paise ppe’ lla festa
S’azzummullanu alla chijazza a dire basta
Ccull’arma chjina ‘e cuntentizza
Scinnanu  Michelinu, Vicenzu  e Franciscuzzu
Ccu’  Roccu,  Peppinu  e Pasqualuzzu.
Finarmente su arrivati e ssu’ cuntenti
‘mmenzu a tanti amici  e alli parenti.
Ma c’è r’ancunu  chi  vataliari   ‘nteneri
Ricennu:  Mo’ cchi bbonnu tutti ssi furesteri.
Io  c’è volissa ddire a chissa gente
Chi  pittuliari e n’un  capiscia nente
Ca tanti   ‘e chilli furesteri
Su Caccurisi era capu alli peri.  

 

 

  Sono riuscito (non so nemmeno io come) a "estorcere" al mio carissimo amico questa  stupenda poesia nella quale ogni verso, ogni parola, oserei dire ogni sillaba, trasuda amore per il suo paese e rimpianto per l'essersene allontanato come tanti meridionali che "e a r’unu a r’unu, senza ne votare simu arrivati n’zinu allu postale." Davvero molto bella l'immagine della rondine che dall'alto della Serra Grande ha la possibilità di vedere tutto il paese e di sussurrargli lo struggente messaggio di un suo figlio lontano. E che dire ancora di questi due meravigliosi versi:
"
‘n’tra l’occhi mi ce mintu tutti i grupi
    m’abbrazzu tutt’i pizzi ccu l’u core
?"
E'  davvero una grande fortuna per me, ma per tutti i Caccuresi avere  l'opportunità di leggere una poesia così bella. Sarebbe stato davvero un peccato lasciare un gioiellino come questo in un cassetto

RINNINELLA.!

Vate a Caccuri, ‘un te fermare,
rinninella chi passi ‘u mare,
‘na  mmasciata tu m’he fare.

E supra  ‘a Serra Ranne, ‘u viri sanu,
parrare tu c’è poi chjianu, chjianu;
pure re luntanu nnu mmu scordu
e ‘u’mme curcu si nu’ lle rugnu ‘a manu.

 Para ca me viju quatrarellu
jiocannu ppe' le roste e le vinelle
fujiennu se jiocava all' ammucciarella
ppè friculiare ccu r’ancuna quatrarella.

‘U tempu sinn’è jiutu chjianu chjianu
e cchjianu chjianu ni nne simu jiuti
e a r’unu a r’unu, senza ne votare
simu arrivati n’zinu allu postale.

A menz’agustu riciacce ca vegnu,
pijiu a machinicchjia e minne scinnu.
Quannu n’tri mucchi vijiu e jinorrelle
signu allu Ponte e re Monachelle .

 Sentu l’adduru ‘e ra casa mia
e ppe’ nu pocu e jiorni stajiu cchu ttia.
T’abbrazzu cumu tu abbrazzasti a mia
chillu jiormu mentre mi nne jiaa.

Me fazzu ‘na fricata ‘e pamarori,
‘nu bicchericchiu e vinu ‘n cumpagnia
e ppu ‘na caminata  a Sant’Antria.

Appere mi ne vajiu quetu,  quetu
‘n’tra l’occhi mi ce mintu tutti i grupi
m’abbrazzu tutt’i pizzi ccu l’u core
ma riciaccellu ca me manca ancora
e nnu’ m’abbutto mai e ru penzare.

O rinninella vate a Caccuri
‘Un te fermare!

 

 

 Torna all'inizio